Esistono tre metodi per la valutazione e la verifica dei risparmi di energia primaria ottenibili: standardizzato, analitico, consuntivo.

1. Metodo di valutazione standardizzata

Col metodo standardizzato si gestiscono schede tecniche precompilate a cui associare un solo parametro correlato con l’intensità dell’intervento (numero di motori elettrici, m2 di vetro sostituito, ecc). Questo metodo quindi consente di quantificare il risparmio specifico lordo annuo dell’intervento (RSL) attraverso la determinazione dei risparmi relativi ad una singola Unità Fisica di Riferimento (UFR), senza procedere a misurazioni dirette.

L’UFR e il risparmio specifico lordo vengono definiti per ogni tipologia di intervento attraverso apposite schede tecniche fornite dal GSE (Gestore Servizi Energetici) per la quantificazione dei risparmi.

I TEE vengono rilasciati trimestralmente dal GSE per tutto il periodo di vita utile del progetto (solitamente 5 anni).

Alcuni esempi di interventi soggetti all’ottenimento dei certificati bianchi tramite schede standardizzate:

Numero scheda Tipo di intervento Categoria
2T Sostituzione di scaldacqua elettrico con scaldacqua a metano a camera stagna e accensione piezoelettrica CIV-T
3T Installazione di caldaia unifamiliare a 4 stelle di efficienza alimentata a gas naturale e di potenza termica nominale non superiore a 35 Kw CIV-T
29b Installazione di corpi illuminanti ad alta efficienza in sistemi di illuminazione esistenti per strade destinate al traffico motorizzato IPUB-RET

2. Metodi di valutazione analitica

Col metodo analitico è richiesta l’implementazione di una semplice catena di misure che permetta di fornire i dati del risparmio energetico ottenuto grazie all’intervento previsto dall’apposita scheda tecnica. Questo metodo quindi consente di quantificare il risparmio lordo conseguibile attraverso una tipologia di intervento sulla base di un algoritmo di valutazione predefinito e della misura diretta di alcuni parametri di funzionamento del sistema dopo che è stato realizzato l’intervento.

L’algoritmo di valutazione, i parametri e le modalità di misura vengono indicati dalle schede tecniche. La rendicontazione dei TEE è effettuata almeno 4 volte l’anno sulla base dei dati ottenuti dagli appositi strumenti di monitoraggio.

Alcuni esempi di interventi soggetti all’ottenimento dei certificati bianchi tramite schede standardizzate:

Numero scheda Tipo di intervento Categoria
16T Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti su sistemi di pompaggio con potenza superiore o uguale a 22 kW IND-E
21T Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria CIV-GEN
32E Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori elettrici operanti sui sistemi di ventilazione IND-E

3. metodi di valutazione a consuntivo

Col metodo a consuntivo si gestiscono le proposte per le quali non è disponibile una scheda tecnica. I metodi di valutazione a consuntivo consentono di quantificare il risparmio netto conseguibile attraverso uno o più interventi in conformità ad un programma di misura proposto dal soggetto titolare del progetto (Proposta di Progetto e Programma di Misura), unitamente ad una descrizione del progetto medesimo, approvato dal soggetto responsabile delle attività di verifica e di certificazione dei risparmi.

I metodi di valutazione a consuntivo sono applicabili anche a progetti costituiti da uno o più interventi per i quali sono disponibili metodi di valutazione standardizzata e analitica, purché tale scelta sia opportunamente motivata, e devono in ogni caso essere applicati ai progetti costituiti da interventi analizzabili con metodi di valutazione diversi. (AEEG EEN 9/11).

Esempi di progetti a consuntivo realizzati da Sinergas SpA:

Ceramica
Sostituzione forni cottura ceramici e/o recupero termico da forni di cottura del materiale ceramico verso essiccatoio a spruzzo (atomizzatore).

Tintoria
Recupero dell’energia termica contenuta nella vena fluida in scarico dalle rameuse di finissaggio e termofissaggio di tessuti per la produzione di acqua calda utilizzata in altre parti del processo produttivo.

Prosciuttificio
Installazione di un nuovo sistema di recupero termico da gruppi frigoriferi a compressione per la produzione di acqua calda a servizio dell’attività produttiva.

Menu